Image Image Image Image Image Image Image Image Image

24 Apr

By

No Comments

Max for Live è un avventura

April 24, 2016 | By | No Comments

Max for Live é una avventura. Venerdì 13 Maggio un workshop gratuito dalle ore 18.00

Introduzione a Max for Live

I posti sono limitati, è consigliato prenotare a info@www.remixme.it

Programma del workshop:

Parte iniziale – teoria

  • Ableton Live e Max/MSP/Jitter:  una storia d’amore – come ci si è arrivati
  • Decollo: individuazione e installazione della suite maxforlive
  • Volo: spiegazione della differenza tra Audio Signal Rate e Control Rate,  prima visione della interfaccia utente attraverso l’apertura di alcune semplici devices presenti nella suite
  • domande

Parte applicativa:

  • In questa seconda parte del corso vedremo 3 devices che dimostrano in piccolo come uscire dai canoni di Live stesso attraverso l’utilizzo di controller alternativi, o processamento di segnale in real-time:
  • Minipeater – Il reverse dell’ audio in real time
  • JoyJoy – Connette un Joystick per controllare dei parametri in Live
  • Lord of the Clips – Per sequenziare clips in Session view di Live.
  • Apriremo nuovamente le devices per prendere maggiore dimestichezza con l’ambiente di programmazione, e faremo una breve carrellata dei motori che le animano.
  • Domande
  • Atterraggio

Da produttori di musica ci abituiamo a girare per le stanze dei sequencer già in parte arredate, il cui scopo ci appare chiaro sin da subito. Queste stanze presentano grandissime possibilità,  ci permettono di fare tantissimo, di interagire con macchine, per sequenziarli ed intonarli, ecc.

Max for Live sono stanze che, invece di presentarsi arredate e funzionali ad uno scopo, sono brulle, prive di arredamento e bianche; apparentemente vuote. Quindi, piuttosto che trovare un divano, una sedia, un tavolo, troviamo tanti mattoncini che ci chiedono di decidere cosa fare.

Tutto ciò può a volte sembrare quasi intimidatorio, nel senso che trovarsi di fronte ad un foglio bianco, una stanza vuota, richiede sempre più energia nel superare quella barriera, il primo scoglio, per  farci qualche cosa. Perché aprire porte che aumentano l’improbabilità, piuttosto che rimanere nel mondo delle probabilità?

La risposta  si fa interessante, la stanza vuota, seppur aumenta l’insicurezza, ci lascia anche un senso di avventura nello scoprire l’ignoto, nel guardare oltre.

Max for Live è una forma di compromesso che ci permette di accedere al meglio del mondo del conosciuto e allo stesso tempo affacciarci sull’ignoto, o sul noto in maniera diversa; a volte in maniera complessa, a volte con una semplicità che sorprende.

Max for Live non è la soluzione a tutti i problemi, non è quindi il Santo Graal che permette di fare musica migliore. Però è sicuramente un modo per conoscere la musica in modo diverso, e a volte di capire perché certe cose vengano fatte in un certo modo, da un filtro, ad una distorsione, ai vst  e così via.

Per cui la creatività,  che di per sé non dovrebbe avere limiti, trova una stanza dove poter giocare, sporcare, dipingere a proprio piacimento, per diventare, dopo il classico sbalordimento iniziale,  la stanza dei giochi, preferita.

Jacopo Carreras

Jacopo Carreras e` l’artigiano di Max/MSP/Jitter, bassista, produttore di musica elettronica e creativo. 

E` autore di numerose device per Max for Live, tra cui Reverser,  la device più scaricata dal sito maxforlive.com. E’ membro attivo del sito stesso con lo pseudonimo Jabbone. http://www.maxforlive.com/library/device/130/reverser

Lavora, gioca e programma con Max for Live da molti anni per installazioni multimediali e di ‘monumental mapping’,  che per produzioni di musica elettronica in generale, dalla dance, alla sperimentale, al pop.

Ha vissuto molti anni a Berlino dove ha prodotto e collaborato con numerosi artisti come gli Exercise One e Peter Van Hoesen ed è stato parte generante di progetti come Punto (Jacopo Carreras e Donato Dozzy).

Il suo album multimediale “From bed to couch” è stato il primo album ad includere i software con cui e`stato prodotto, anch’ essi sviluppati con Max/MSP. Sempre con un orecchio rivolto alle performance dal vivo, ha sviluppato una serie di patch e device per i live set, avendo sperimentato sul campo l’ efficacia del castomizzare i software.

E` stato tra i primi artisti nel mondo della dance a fondere strumentazione reale, campionamento e software per le performance dal vivo, integrando Max for Live e Live, basso elettrico, chitarra, drum machines e computer.

Con il progetto Phantasmeano produce sia musica che applicazioni per artisti, per rendere le loro performance più personali da un punto di vista tecnico e artistico. Ha ideato e prodotto le musiche originali ed il Sound Design per il Parco a Tema Cinecittà World.

Ultimamente è impegnato nella realizzazione di ambienti sonori, dal multi canale al 3D Sound Design per installazioni multimediali. E’ autore di applicazioni software per la  spazializzazione del suono e la gestione  in tempo reale di sistemi audio multicanale complessi. Tutto ciò  lo porta a far parte del team DannyRose, tra i più importanti al mondo per la produzione di esperienze interattive, multimediali e visive.

http://www.phantasmeano.com/phantasmeano/home.html

I posti sono limitati, è consigliato prenotare a info@www.remixme.it

Remix Me è in Via della Moletta 33, a pochi passi dalla Metro B Garbatella e dalla Stazione FS Ostiense

 





Submit a Comment